news ed eventi

back
12 gennaio 2016

Luigi Bianchi Mantova Sartoria AI 16/17: suggestioni classiche e contemporaneità a Pitti 89

La nuova collezione Luigi Bianchi Mantova Sartoria ruota intorno ai temi cardine del calore, della leggerezza (di pesi e di costruzione) e della natura.

Filati pregiati e naturali, dalla mano calda, ma con pesi decisamente contenuti: dalla pura lana alle mischie di lana, cashmere, seta, al puro cashmere, per affrontare il rigore dell’inverno “con  leggerezza”.


Non solo le fibre, ma anche i toni scelti sono naturali, presentati in tinta unita oppure tagliati con colori più forti. Tra i colori, oltre ai classici blu e grigi esplorati in varie declinazioni, trionfa il fascino senza tempo delle tonalità cammello, in tutte le nuance, da quelle più chiare e delicate alle più decise. Una scelta perfetta per chi cerca la massima versatilità negli abbinamenti ma al tempo stesso creare un look estremamente chic e sofisticato. A completare la palette dei beige e dei marroni, calde tonalità miele.
Ritornano soprattutto nelle giacche le disegnature, ampie e forti ma spesso molto fuse.
Nel guardaroba di chi non vuole farsi trovare impreparato in caso di intemperie non possono mancare piumini imbottiti e capi sportswear: ecco quindi presentata per la prima volta in collezione una selezione di giubbotteria tecnica. Piumini con e senza maniche, parka con cappuccio, cappotti trapuntati.
Ispirazioni dal passato, ma rivisitate in chiave contemporanea, per il capo icona di stagione, il cappotto: una grande varietà di modelli, dal classico Chesterfield coat, all’innovativo cappotto-blazer peso giacca, ai confortevoli cappotti travel con scaldacollo. Tutti rigorosamente trattati con sofisticati procedimenti anti-acqua. Monopetto o doppiopetto; tasche a toppa, a filetto, o tasca trench, con o senza ticket pocket; con o senza soffietto sulla schiena; il tocco di eleganza aggiunto dal martingala, i dettagli rendono unico ogni singolo pezzo presentato.